x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Kawasaki Ninja H2 2019, ancor più cattiva

10 August 2018
di Beppe Cucco
  • Salva
  • Condividi
  • 1/14 Kawasaki Ninja H2 2019
    Kawasaki presenta la nuova Ninja H2 2019. Tra le novità troviamo 30 CV in più a disposizione del pilota, una speciale vernice autorigenerante e una nuova strumentazione

    Ancor più potente

    Dopo aver svelato le nuove livree 2019 ora, in occasione della Bonneville Speed Week, Kawasaki presenta la nuova Ninja H2 2019. Novità principale del nuovo modello è l'iniezione di 30 CV supplementari a disposizione del pilota, che ora avrà a disposizione una potenza massima di ben 231 CV! Nonostante ciò la Casa dichiara che il nuovo modello sarà anche meno assetato di benzina. Questo è stato possibile grazie all'adozione di una serie di nuovi componenti: cambiano il filtro dell'aria, la camera di aspirazione, le candele e la centralina elettronica.

    Più CV significa più velocità. Per questo la Casa di Akashi ha sostituito le vecchie pinze freno con delle nuovissime Brembo Stylema. Nuove anche le gomme di primo equipaggiamento: le Bridgestone RS11 prendono il posto delle RS10.

    Kawasaki Ninja H2 2019, ancor più cattiva

    Tecnologie innovative

    Novità anche per quanto riguarda l'estetica della moto, con un nuovo logo "Super Charged" sul carter del motore e, caratteristica molto interessante, una nuova vernice autorigenerante. In pratica, con temperature ambientali abbastanza calde, questa vernice è in grado di auto riparare eventuali piccoli segni e graffi. Sembra una soluzione fantascientifica, ma vernici di questo tipo sono già abbastanza diffuse nel settore delle quattro ruote. Kawasaki ci tiene però a precisare che, a differenza della vernice impiegata sulle auto che ci mette settimane per riparare i graffi, quella della nuova H2 impiega solo pochi minuti.

    Aggiornamenti anche per la strumentazione, che ora grazie alla connessione bluethoot e all'app "Rideology" è in grado di interfacciarsi con lo smartphone del pilota. In questo modo l'utente può sempre avere a portata di mano alcuni dati relativi alla propria moto, come il livello del carburante, le condizioni della batteria, nonché un registro relativo ai percorsi effettuati e le scadenze relative alla manutenzione del mezzo.

    Kawasaki Ninja H2 2019, ancor più cattiva
    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta