x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Nuovo codice della strada: la politica appoggia le ragioni della FMI

21 novembre 2017
di Giuseppe Cucco
Nuovo codice della strada: la politica appoggia le ragioni della FMI
Al convegno “Nuovo Codice della strada - La via della Convivenza” rappresentanti politici si sono espressi a favore del sub emendamento proposto dalla Federazione Motociclistica Italiana per cercare di non vietare il fuoristrada alle moto

“Nuovo Codice della strada – La via della Convivenza”

Torniamo a parlare dell’emendamento al Codice della Strada approvato dalla IX Commissione Trasporti Camera per modificare gli articoli 2, 3 e 194 del Codice della Strada. Un emendamento che, vi ricordiamo, vorrebbe riservare la circolazione su strade sterrate di larghezza inferiore a 2,5 metri solamente a pedoni, velocipedi e animali. Di fatto è un divieto di circolazione per le moto fuoristrada (ma anche ai 4x4…), un provvedimento che per noi è incostituzionale e che, secondo la FMI, può portare alla morte dell’offroad agonistico e amatoriale, con conseguenze disastrose anche dal punto di vista economico.

Ora, per fortuna, qualcosa sembrerebbe muoversi a favore di noi motociclisti. Pochi giorni fa si è svolto il convegno “Nuovo Codice della strada – La via della Convivenza”, organizzato dalla Federazione Motociclistica Italianaì in collaborazione con il Patrocinio della Camera di Commercio di Arezzo, di Confindustria ANCMA e con la collaborazione dell’Arma dei Carabinieri e dei Carabinieri Forestale.

Il tema erano appunto le modifiche al Codice della Strada, al tavolo dei relatori erano presenti tutti i protagonisti di un confronto che si è rivelato decisivo: l’Onorevole Michele Pompeo Meta, Presidente della IX Commissione Camera dei Deputati (Trasporti, Poste e Telecomunicazioni), l’Onorevole Marco Donati, Membro della Commissione Camera dei Deputati (attività produttive, Commercio e Turismo), il Presidente della FMI Avvocato Giovanni Copioli, il Colonnello Claudio D’Amico dei Carabinieri Forestale e il Dott. Pierfrancesco Caliari, Direttore Generale ANCMA. Erano inoltre presenti i rappresentanti di molte associazioni coinvolte come: Confartigianato, associazioni agricole, venatorie, associazione pesca, Legambiente e numerosi Moto Club e addetti.

Nuovo codice della strada: la politica appoggia le ragioni della FMI

La politica al fianco della FMI

Nuovo codice della strada: la politica appoggia le ragioni della FMI

Il Presidente FMI Copioli nel suo intervento ha sottolineato principi che hanno mosso l’azione di sensibilizzazione e dialogo con le Istituzioni per far capire che le modifiche proposte al Codice della Strada fossero in realtà un vero e proprio blocco che avrebbe di fatto paralizzato l’attività sportiva e amatoriale, secondo un principio che non teneva conto della libertà di movimento e dei diritti di cittadini e dei frequentatori del territorio. Copioli ha poi ribadito che la FMI ha lavorato per il rispetto delle regole e che ha portato avanti non solo gli interessi esclusivi dei motociclisti ma anche di tutti i fruitori del territorio delle più svariate attività sociali, turistiche e venatorie. L’Onorevole Donati, firmatario del sub emendamento proposto dalla FMI ha spiegato come abbia capito e recepito le ragioni rimandando a chi ha conoscenza precisa delle realtà territoriale il compito di decidere l’utilizzo di quella strada o quel sentiero. Concetto approfondito anche dal Responsabile dei Rapporti Istituzionali della FMI, Tony Mori che ha ripercorso la storia dei contatti avvenuti in questi mesi ribadendo che una strada sterrata è comunque una strada e che destinarla esclusivamente a un numero limitato di categorie sarebbe un errore. Mori ha poi ribadito che il rispetto delle regole è elemento essenziale per la convivenza.

E’ intervenuto anche il Procuratore della Repubblica di Arezzo, Roberto Rossi, che ha apprezzato la chiarezza del sub emendamento della FMI non solo per lo specifico utilizzo di strade e sentieri ma anche per il diretto coinvolgimento degli Enti locali in materia ambientale.

Dovrebbero decidere le autorità locali

L’onorevole Pompeo Meta ha dichiarato: “Ho recepito le istanze di un settore importante come quello del motociclismo ed ho apprezzato i contenuti ed il metodo usati dalla FMI e dal suo Presidente nel portare avanti queste ulteriori modifiche. Abbiamo convenuto che debbano essere quindi le realtà territoriali e che quindi siano le autorità locali, quelle che hanno conoscenza delle realtà, a decidere la destinazione dei territori. Questo rientra in un più vasto disegno di modifica del Codice della Strada che riguarda la sicurezza con particolare riferimento all’uso dei telefonini da parte di chi guida e di un corretto e aggiornato sistema per far viaggiare in sicurezza i bambini. Mi auguro che adesso l’iter legislativo sia rapido in modo che possa essere approvato prima della fine della legislatura”.

Non possiamo bloccare l’enduro

Nuovo codice della strada: la politica appoggia le ragioni della FMI

Il Colonello D’Amico ha ripercorso la storia della collaborazione con la FMI iniziata nel 2011 e ha sottolineato come questa sia stata proficua ed abbia fatto passi da gigante non solo nell’organizzazione delle gare ma anche nel controllo e nella vigilanza del territorio per punire quei pochi che non rappresentano la realtà vera dei motociclisti. In chiusura il Direttore ANCMA Caliari ha parlato dei numeri sorprendenti che il settore moto rappresenta in Italia, del fatto che sia strategicamente cruciale nel problema della mobilità entrando poi nello specifico settore del fuoristrada e confermando che una norma restrittiva nei confronti di questa attività rappresenterebbe un danno irreparabile di un settore e di un indotto che invece mostra da due anni segnali di crescita concreta. Hanno poi preso la parola le Associazioni con vari interventi dove si è ribadita l’utilità di un confronto con tutti i fruitori del territorio e dove sono emerse esigenze comuni con le problematiche esposte e portate avanti dalla FMI. Molto apprezzato l’intervento del Direttore dell’Arcicaccia, Dott. Osvaldo Veneziano, che ha ribadito la necessità di mantenere il contatto e il dialogo con le autorità e tra i fruitori del territorio stessi.

“Un punto di svolta che ha chiarito le posizioni"

A termine del convegno il Presidente FMI Copioli ha dichiarato: “Sono molto soddisfatto di questo confronto. Credo che sia un concreto punto di svolta dove le posizioni siano state chiarite. La politica ha recepito le nostre istanze e ci ha apprezzato sia nei contenuti che nei modi con cui in questi mesi abbiamo lavorato senza sosta e lottato per far valere non solo i nostri diritti ma anche quelli di tanti che usufruiscono dei territori. Per questo abbiamo titolato la via della Convivenza contro ogni proibizionismo preconcetto. Adesso sono fiducioso che il nostro sub emendamento riesca a terminare l’iter legislativo e possa passare prima del termine della legislatura. La Federazione non ha il compito e non può decidere per tutti ma ha il compito di sensibilizzare il mondo politico affinché quest’ultimo tenga in considerazione gli interessi ed i diritti di tutti e credo che in questo siamo riusciti perfettamente. Far decidere alle autorità locali era il nostro obiettivo e ritengo sia ragionevolmente anche la cosa più giusta. Continueremo a seguire con meticolosa attenzione la vicenda in modo che le nostre attività sia sportive che territoriali possano continuare a svolgersi nel rispetto delle regole e delle leggi per una vera e produttiva convivenza”.

Nuovo codice della strada: la politica appoggia le ragioni della FMI

Vi ricordiamo che in merito, anche noi ci stiamo muovendo con la nostra campagna #FuoristradaNonFuorilegge, con la quale vogliamo promuovere l’uso legale della moto in fuoristrada, ma anche combattere il pregiudizio per cui chi ama l’offroad sia un fuorilegge.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta