a cura della redazione - 05 marzo 2020

Airbag obbligatorio e nuove norme per aumentare la sicurezza

A Lisbona, in Portogallo, il presidente della FIM Jorge Viegas, il direttore sportivo della FIM Jean-Paul Gombeaud e i colleghi della FIM hanno incontrato rappresentanti dell'ASO (organizzatori del Dakar Rally), organizzatori, team manager, piloti e produttori con l’obiettivo di ridurre il numero di incidenti che coinvolgono sia i piloti che il pubblico e aumentare la sicurezza in tutti gli eventi di rally

Durante l'incontro sono stati identificati i seguenti fattori che potrebbero aumentare il rischio di incidenti: affaticamento, disidratazione, velocità, temperature, errori di navigazione, distrazione, visibilità limitata dell'ostacolo e precisione dei Road Book. A seguito della discussione dei temi sopra indicati, sono state avanzate alcune proposte che includono:

Gare: tutti gli eventi del campionato FIM dovranno essere progettati con la collaborazione di un ex pilota.

Roadbook: nomina di un team di "ispettori di rotta" per sviluppare il Road Book per tutti i round in modo che tutti i pilotiteam abbiano lo stesso livello di informazioni e un'interpretazione concreta dell'effettivo livello di difficoltà del percorso.

Riduzione della velocità: velocità medie inferiori e possibile riduzione della potenza motore.

Equipaggiamento di protezione: approdo degli airbag il prima possibile. È prevista una riunione imminente con i produttori interessati, con il 2020 utilizzato per lo sviluppo e la piena attuazione nel 2021.

Navigazione: è in fase di sviluppo una nuova torre di strumentazione, con più segnali visivi e audio, più compatta e quindi meno invadente, per evitare lesioni.

Soddisfatto dei progressi compiuti durante l'incontro, il presidente della FIM, Jorge Viegas, ha dichiarato:

"Sono soddisfatto di questa riunione molto costruttiva nel tentativo di ridurre il numero di incidenti a Rally, che è una priorità per la FIM, specialmente nella manifestazione Dakar. testeremo le soluzioni dall'inizio di questa stagione e faremo un piano alla fine della stagione per adeguarci, se necessario. La partecipazione di ASO, KTM, Husqvarna, Hero, Honda, Yamaha e anche i piloti Sam Sunderland e Adrien Van Beveren hanno permesso lavoriamo mano nella mano per raccogliere questa sfida per garantire la sostenibilità di questo campionato unico e spettacolare”.

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News