a cura della redazione - 02 November 2023

Marcus Pereira de Freitas, HRC: "Nonostante tutto, una stagione da 7"

Il direttore generale HRC fa il punto sulla stagione 2023 del team Honda, tra l'incidente di Gajser e le buone prestazioni di Ruben Fernandez

Che voto daresti alla stagione 2023 del Team HRC?
"Se penso a gennaio avevo delle aspettative che dopo quello che è successo in Trentino sono totalmente cambiate. Tuttavia, considerando quello che è successo a Tim, penso che nel complesso la stagione sia stata positiva e che meriti un sette. Naturalmente, affrontiamo ogni campionato sperando di vincere, ma Ruben ha comunque fatto un passo enorme con i suoi risultati e la vittoria in Argentina è stato un momento che non dimenticherò mai. Vincere un GP è un grande risultato e ha davvero aumentato le aspettative di tutti su ciò che è possibile fare. Ruben ha continuato a spingere per tutta la stagione, ottenendo podi nei round uno, sei, nove e diciotto, dimostrando di non essersi mai arreso. Poi il ritorno di Tim e la vittoria di due degli ultimi tre round è stato un buon passo avanti verso il 2024".

Quali sono state le tue impressioni sulla stagione di Ruben, sulla sua guida e su quanto bene si è integrato nella squadra?
"Penso che abbia fatto un ottimo lavoro. Non è mai facile entrare in un team ufficiale, ma si è subito trovato in accordo con ogni membro dello staff grazie alla sua capacità di comunicare in molte lingue ed è un piacere stargli vicino. Come detto, ha vinto in Argentina e poi ha ottenuto altri tre podi, finendo quinto in campionato e forse se non avesse avuto la caduta in Finlandia, sarebbe arrivato ancora più in alto. È stato un primo anno impressionante e siamo molto curiosi di scoprire ciò che potrà fare la prossima volta".

Che dire delle prestazioni della Honda CRF450R per entrambi i piloti?
"Penso che abbiamo una piattaforma eccellente per dare a entrambi i piloti l’opportunità di lottare per la vittoria. Il team lavora instancabilmente, sia qui in Europa sia in Giappone, sui più piccoli dettagli per cercare di migliorare la moto e penso che si dimostri con il livello di costanza in pista. Cerchiamo sempre di testare e migliorare le cose ed è quello che stiamo già facendo, per migliorare le cose per il 2024".

Ti aspettavi un rientro alle gare più facile per Tim?
"Abbiamo visto subito che Tim aveva la velocità al suo ritorno alle gare, quando è stato il più veloce nelle prove cronometrate a Loket. Tuttavia, poi abbiamo visto i veri effetti dell'infortunio quando si è schierato in gara. Sapevamo correre in Repubblica Ceca sarebbe stato molto difficile, perché negli allenamenti non riesci a replicare le gare. Dopo Loket c'erano tre piste su sabbia, mentre in Svezia era quasi impossibile superare, quindi ancora una volta non ci aspettavamo troppo, visto quanto poco era riuscito ad allenarsi sulla sabbia. Turchia, Maggiora e Matterley sono tre piste che gli piacciono e lì è riuscito a vincere tre manche e due GP e dimostrare a tutti che è tornato. La doppia vittoria a Matterley è stata un ottimo traguardo e ha portato molta fiducia per affrontare la preparazione invernale".

Com'è andato il Motocross delle Nazioni?
"È stato un evento incredibile. C'erano tantissimi fan e l'atmosfera era fantastica, quindi sono felice che il Team HRC abbia avuto un ruolo importante in tutto ciò. Avere Tim, Ruben e i fratelli Lawrence nella nostra struttura è stato bello ed è stata una buona occasione per incontrare i nostri colleghi americani. Rimaniamo in contatto con loro durante tutto l'anno e hanno avuto un anno molto positivo, ma è sempre più bello poter parlare di persona, puoi condividere idee molto più velocemente e lavorare in modo molto più efficiente. Adoriamo ospitare questi ragazzi e speriamo che possano tornare a Matterley Basin nel 2024. Ovviamente, Jett ci ha mostrato di cosa è capace e possiamo capire perché è stato in grado di fare così bene negli Stati Uniti, quindi anche questo è stato bello da vedere. Lui e Hunter hanno un futuro molto brillante e siamo molto contenti che facciano parte del Team HRC".

Pensieri sull'uscita del calendario 2024?
"Sembra un anno simile a quest’anno, onestamente. Molti round sono gli stessi, anche se in un ordine leggermente diverso. C'erano tutte queste voci su nuove località e sull'andare qua o là, ma alla fine sembra che avremo familiarità con la maggior parte dei circuiti. Naturalmente, ci sono un paio di TBA elencati, quindi non sappiamo ancora tutto, quindi la pianificazione non può iniziare completamente, ma stiamo già lavorando sulla logistica per quello che sappiamo e assicurandoci di essere preparati nel miglior modo possibile".

E che dire delle speranze per la stagione 2024 nel suo complesso?
"La nostra speranza principale è quella di poter arrivare al primo round con entrambi i nostri piloti in forma e in salute al 100%. Se riusciremo a farlo, penso che potremo avere davvero un anno molto buono. Tim ovviamente cercherà di riconquistare il titolo e arrivare a sei campionati vinti e Ruben sarà ancora più forte di quest'anno e spingerà lui stesso per podi e vittorie. Credo che il Team HRC sarà una squadra da temere in ogni round della stagione".

© RIPRODUZIONE RISERVATA