Tutta nuova la Kawasaki KX250X 2025

Cambia totalmente la verdona da enduro, che si aggiorna con una diversa ergonomia, elettronica evoluta e upgrade mirati al motore

1/3

La nuova KX250X è stata sviluppata seguendo le indicazioni del mercato con l’obiettivo di offrire un prodotto sempre più vicino alle esigenze degli enduristi. Una strategia che mostra il rinnovato impegno di Kawasaki nel mondo dell’offroad. Uno step in avanti molto importante, frutto di evoluzioni al comparto elettronico e ciclistico, con un particolare focus sulla fruibilità delle prestazioni. L’elettronica, mutuata dalla KX450X, darà la possibilità al pilota di cambiare direttamente dal manubrio i power modes, con mappe dedicate anche ai terreni più pesanti e, grazie alla nuova funzione KTRC (Kawasaki Traction Control), potrà selezionare rapidamente due livelli di controllo di trazione. In alternativa, sarà possibile accedere e regolare la mappatura del motore utilizzando l'esclusiva app Rideology di Kawasaki, ottimizzata appositamente per le KX. La notevole cura nei particolari è testimoniata dalle nuove manopole ODI Lock-On e dalla nuova trasmissione finale con o-ring nella catena. Ciclistica ed ergonomia sono state perfezionate, con il telaio che riceve importanti aggiornamenti per migliorare l’agilità complessiva e con nuova forcella a steli rovesciati Showa da 49 mm. Il manubrio regolabile in quattro posizioni (Ergo-fit) e le pedane in due consentono ai piloti di personalizzare la propria posizione di guida. Ridisegnati e aggiornati i fianchetti laterali.

1/3

La messa a punto delle sospensioni, specifica per l’enduro, abbinata alla diversa combinazione di cerchi e pneumatici specialistici (21"/18" omologate FMI), rendono la nuova KX250X ancora più attraente per gli amanti del genere. Il propulsore è l’elemento che più di tutti vede un’importante evoluzione: il disegno del pistone è completamente rivisto, così come il layout di aspirazione e scarico, che garantisce una migliore centralizzazione delle masse.

Novità è il contralbero: l’aumento delle masse volaniche offre un motore più potente lungo tutto l’arco di erogazione e una maggiore spinta ai regimi medio-bassi, riducendo le vibrazioni e migliorando il controllo del gas, soprattutto in uscita dalle curve a bassa velocità. L'aspirazione e lo scarico allineati simmetricamente garantiscono un forte over-run con grande fluidità già dai bassi regimi. L’aspirazione è stata riprogettata per offrire un percorso molto più diretto per l'ingresso della miscela aria-carburante nel cilindro. Anche la luce di scarico, posizionata centralmente, si allinea con l'aspirazione, per un'elevata efficienza del flusso d'aria, contribuendo ad aumentare notevolmente le prestazioni. Anche l’airbox è stato completamente ridisegnato per massimizzare il potenziale del doppio iniettore del KX250X e adattarsi alla nuova aspirazione downdraft. Oltre alla coppia ai bassi regimi aumentata e ad una erogazione più fluida, la risposta dell'acceleratore risulta più lineare. Viene semplificato l’accesso al filtro aria dove non sarà più necessario l’utilizzo di attrezzi per rimuovere il fianchetto laterale. Viene così fatto un upgrade importante del modello che, ad oggi, sta dando grandissime soddisfazioni nei campi gara nazionali, europei e mondiali grazie ai piloti Davide Soreca del Team italiano MGR e a Killian Lunier del Team francese DSN Motos, ottenendo successi e podi già al primo anno di gare con Kawasaki nelle categorie più importanti dell’enduro specialistico.

I video di Motociclismo Fuoristrada

© RIPRODUZIONE RISERVATA