GP di Francia: Seewer dalle polemiche alla vittoria; MX2 a Vialle

Lo svizzero vince il GP di Francia dopo aver saltato la manche di qualifica del sabato, assieme a molti altri piloti ufficiali. Sul podio anche Prado e Coldenhoff. In MX2 Vialle festeggia un GP incerto fino all'ultimo giro, con Geerts due volte secondo e Benistant vincitore della seconda manche. Male gli italiani; si salva solo Adamo, settimo in MX2

PArtenza gara 2 MXGP, con Prado (61) davanti a Seewer (91) e Nicholas Lapucci (211)

La giornata del sabato del GP di Francia è stata molto delicata, con tutti i top rider MXGP (eccetto Renaux) che si sono rifiutati di prendere il via alla manche di qualifica a causa delle condizioni del fondo molto fangoso dopo un violento acquazzone che si è abbattuto in pista a metà giornata. Tra questi, il più determinato a far valere le proprie ragioni è stato Jeremy Seewer (Yamaha) che ha evidenziato come le opinioni dei piloti non sempre vengano prese in considerazione. Il caso ha voluto che fosse proprio lui a festeggiare la vittoria di un GP estremamente difficile come quello corso a Ernee, grazie a un primo e un secondo posto. Seewer ha finalmente messo un sigillo a una stagione costellata di alti e bassi e soprattutto di troppe cadute. Oggi è stato praticamente perfetto, ha attaccato, si è battuto a braccia larghe e alla fine ha vinto, confermando il suo terzo posto in Campionato. Sul podio con lui hanno chiuso Jorge Prado (GASGAS) e Glen Coldenhoff (Yamaha), vincitore della seconda manche. Prado ha sofferto ancora di una domenica difficile, con un vistoso calo fisico nella seconda parte dell'ultima manche, dopo essere partito ancora una volta in testa. Prado risente ancora dell'infortunio alla spalla, arrivato nel momento peggiore della stagione; una caduta che lo sta portando a sprecare diverse occasioni di recuperare punti a Tim Gajser (Honda), per la terza volta consecutiva fuori dal podio; il fatto di aver saltato la manche del sabato lo ha costretto a una posizione al cancello sfavorevole, che gli ha impedito di scattare davanti. Tim si è reso protagonista di due belle rimonte (5° e 4°), ma è anche scivolato diverse volte in entrambe le manche. E, comunque, Seewer aveva lo stesso handicap al via. Gajser sembra essere in una fase di assoluta gestione, dopo un avvio furibondo sta correndo senza più strafare, puntando al titolo a fine anno. Anche perché, questa volta, Maxime Renaux (Yamaha) ha deluso. Dopo la vittoria nel GP di Spagna della settimana scorsa, aveva l'obiettivo di ripetersi davanti ai suoi tifosi, ma così non è stato. Renaux ha chiuso addirittura ottavo, senza azzeccare nessuna delle due manche. Proprio lui che, il sabato, era stato l'unico a prendere parte alla qualifica, avendo (almeno) il vantaggio della posizione al via. Purtroppo, una condizione fisica non ottimale lo ha portato a subire gli avversari, più che a impensierirli.

Non bene gli italiani; Guadagnini non ha preso il via dopo essere caduto pesantemente sabato mattina, Forato si è ritirato in gara 1 per una caduta e non è partito nella seconda, Lapucci ha fatto due belle partenze, ma poi si è ridimensionato chiudendo diciottesimo, Monticelli e Tropepe non sono andati oltre il 16° e il 24° posto.

MX2: ancora battaglia Vialle - Geerts

Tom Vialle festeggia davanti ai tifosi francesi la vittoria nella MX2

La classe minore è stata bellissima. Si è scritto un nuovo capitolo del confronto tra Tom Vialle (KTM) e Jago Geerts (Yamaha), in un tracciato difficilissimo. Ha vinto ancora Vialle, che ha festeggiato davanti ai suoi tifosi, ma Geerts non è certo uscito sconfitto. Nella prima manche i due si sono inseguiti per gran parte della manche e, sul più bello, Geerts è scivolato mentre tentava l'attacco a Tom. Nella seconda a partire davanti è stato Thibault Benistant (Yamaha) che ha gestito prima Vialle e poi Geerts alle sue spalle, senza cedere un metro e festeggiando la vittoria di gara 2. Vialle è anche scivolato, lasciando i due piloti Yamaha a battagliare nel finale, riuscendo a vincere il GP per un solo punto su Geerts (2°-2°) grazie a un primo e un terzo posto.

Ottima la seconda manche di Andrea Adamo (GASGAS), in battaglia per la terza posizione fino a pochi minuti dal termine, quando ha ceduto a Laegenfelder (GASGAS) finendo sesto di manche e settimo assoluto. Andrea è stato il migliore degli italiani in una domenica da dimenticare per i nostri. A punti anche il giovane Valerio Lata, 16° assoluto.

Il prossimo appuntamento con il Mondiale MXGP è fissato per il 12 giugno a Teutschenthal, con il GP di Germania.

I video di Motociclismo Fuoristrada

Guarda tutti i video di Motociclismo Fuoristrada >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA