TM EN 125 Fi: il test della prima ottavo di litro enduro a iniezione

La Casa di Pesaro ottiene il primato del lancio di una 125 che fa a meno del carburatore. In sella si apprezza una curva di erogazione più rotonda

1/9

L'avevamo vista a EICMA 2019, oggi finalmente è arrivata sul mercato: la TM EN 125 Fi è la prima enduro a sfruttare l'alimentazione a iniezione elettronica, sfruttando la tecnologia delle sorelle maggiori: due iniettori, quindi, ai lati del cilindro, corpo farfallato da 41 mm made in TM e miscelatore elettronico. La ciclistica rimane invariata, con il famoso telaio perimetrale in alluminio, forcella Kayaba da 49 mm e mono TM. Una moto dalla profonda vocazione racing, molto curata e accattivante. Un vero must della categoria. In sella emerge un netto miglioramento dell'erogazione, con lo "scalino" dell'entrata in coppia ben più rotondo, con una ottima spinta ai medi. Si è perso in parte il proverbiale allungo agli alti se si va a insistere sulla marcia, dovendo quindi utilizzare di più il cambio. Con questa moto TM ha dimostrato tutta la sua capacità di innovazione, conquistando un primato importante che rilancia la categoria 125 2 tempi in un futuro sempre più green.

In edicola trovate la prova completa, con la TM 125 a colorare la copertina del numero di maggio/giugno di FUORIstrada. Questo, invece, è il nostro video del test!

© RIPRODUZIONE RISERVATA