x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Cairoli è storia: ecco come ha fatto a vincere il suo 9° titolo!

11 settembre 2017
di Matteo Solinghi
Mondiale Motocross 2017: ad Assen Tony Cairoli conquista il suo nono Campionato del Mondo e ora è solamente a -1 dalla leggenda Stefan Everts. Ecco come ha fatto l’azzurro a sbaragliare la concorrenza ancora una volta, le foto, il video

L’annata di Tony: studiare gli avversari nelle prime gare

Il 2017 di Tony Cairoli inizia col botto: doppietta in Qatar e dimostrazione di essere già in piena forma, mentre i suoi avversari sembrano faticare a tenere il ritmo del siciliano. Jeffrey Herlings inizia il Campionato da infortunato dopo il crash di Ottobiano agli Internazionali d’Italia Motocross; Tim Gajser, sulla carta, è l’uomo da battere, in quanto Campione del Mondo in carica. Nell’inferno dell’Indonesia, la vittoria va a Shaun Simpson, con Cairoli bravo a non rimanere intrappolato nel fango e a non cadere. Clement Desalle inizia ad emergere a suon di podi. Si va così in Argentina, dove Gajser fa doppietta e Cairoli termina solamente 7°, perdendo la tabella rossa e accusando un deficit di 10 punti da Gajser. Il pilota della Honda allunga in Messico, ma Cairoli non molla e conquista punti importanti grazie al 2° posto. Tony sfrutta il tifo degli italiani in Trentino per rosicchiare un paio di punti allo sloveno; altri 4 punti recuperati a Valkenswaard, dove vince il costante Paulin.

L’annata di Tony: martellare nella fase centrale

In Lettonia la svolta: Cairoli conclude 2° alle spalle dell’ormai guarito Herlings, mentre Gajser si infortuna: nonostante ciò lo sloveno prova a tener duro nei GP seguenti e coraggiosamente si schiera al cancelletto di partenza, ma non è il solito Gajser. E questo permette a Tony di riconquistare la tabella rossa. Il pilota di Patti primeggia in Germania e stacca tutti in classifica. Con un Gajser K.O., l’insidia principale per Cairoli diventa il compagno di squadra Herlings. E invece in Francia vince Desalle, permettendo a Tony di mantenere le distanze dai suoi avversari, Desalle compreso. Nel fango russo l’ufficiale Kawasaki conferma l’ottimo stato di forma, Tony gestisce e perde soli 4 punti nel confronto con Herlings; altro pericolo scampato viste le pessime condizioni della pista. Cairoli sale in cattedra umiliando Herlings nelle torride gare di Ottobiano e del Portogallo: due pesanti vittorie ad un punto fondamentale del Campionato.

Cairoli è storia: ecco come ha fatto a vincere il suo 9° titolo!

L’annata di Cairoli: gestire nel finale

Cairoli vince anche a Loket, tracciato da lui poco gradito. È qui che si capisce che per Herlings ci sono ancora poche speranze, tutto è nelle mani di Tony. Tuttavia, la risposta dell’olandese non tarda ad arrivare: vittoria a Lommel, nell’Università del Motocross, e vittoria in Svizzera, ma Cairoli non esagera e resta leader con un margine di punti più che rassicurante. A fine Campionato Tim Gajser torna alla vittoria (GP di Svezia), Cairoli gestisce, allunga e si presenta in America con 101 punti di vantaggio su Herlings, unico avversario rimasto in lotta per il titolo iridato. Si tratta del primo vero e proprio match point per Tony: match point che non si concretizza a causa di una scivolata dell’azzurro e vittoria di Herlings a Jacksonville​ (Florida) davanti alla wild card d’eccezione Eli Tomac. Ma poco importa, anzi: forse è meglio così. Vincere un titolo iridato in America davanti a pochi tifosi avrebbe avuto un gusto totalmente diverso da quello di vincerlo in Europa, davanti ai suoi fans, ad Assen. E così è: con un 2° posto in Gara1 Tony Cairoli si aggiudica il titolo della MXGP nella stagione 2017, il suo 9° titolo in questa disciplina. Immenso. Il prossimo obiettivo? Potrebbe essere quello di battere Stefan Everts, a quota 10.

Cairoli è storia: ecco come ha fatto a vincere il suo 9° titolo!

Gli avversari

Cairoli è storia: ecco come ha fatto a vincere il suo 9° titolo!

Gli avversari di Tony Cairoli sono stati molti nel corso dell’annata, ma due più degli altri si sono distinti e hanno seriamente impensierito il siciliano: Tim Gajser e Jeffrey Herlings. Il primo aveva iniziato col piede giusto il Campionato, salvo poi sentire un po’ troppo la pressione di Tony e farsi male, abbandonando le speranze di confermarsi Campione del Mondo. Il secondo si è dimostrato la vera insidia principale di Tony, grazie ad una seconda parte di stagione da standing ovation: peccato per l’infortunio nella pre-season, sarebbe stato estremamente emozionante e spettacolare vederlo lottare per il titolo sin dalla prima gara anziché navigare attorno alla decima posizione. Ma Jeffrey è anche questo, genio e follia insieme. Possiamo considerare buone le stagioni di Gautier Paulin e Clement Desalle, ma ancora lontani dai tempi d’oro e mai competitivi con i tre piloti sopracitati. Il gruppo dei top riders si chiude con Romain Febvre, Jeremy Van Horebeek e Max Nagl: i piloti Yamaha sono scomparsi o quasi dopo due stagioni da assoluti protagonisti (Febvre Campione del Mondo 2015, Van Horebeek vice-Campione l’anno precedente), mentre il tedesco ha una guida troppo poco fluida per stare ai vertici della categoria per tutto l’arco della stagione senza calare di forma fisica.

Tutto il Campionato in un click

Cairoli è storia: ecco come ha fatto a vincere il suo 9° titolo!

Ecco i link a tutte le gare del Mondiale MXGP 2017 corse sino ad ora.

Mondiale Motocross 2017 – classifica di Campionato MXGP

Cairoli è storia: ecco come ha fatto a vincere il suo 9° titolo!

Pos. Pilota Naz. Moto Punti
1 Cairoli, A. ITA KTM 673
2 Herlings, J. NED KTM 577
3 Paulin, G. FRA HUS 545
4 Desalle, C. BEL KAW 544
5 Gajser, Tim SLO HON 485
6 Febvre, Romain FRA YAM 441
7 Van Horebeek, J. BEL YAM 400
8 Nagl, M. GER HUS 390
9 Coldenhoff, G. NED KTM 377
10 Bobryshev, E. RUS HON 366
11 Anstie, Max GBR HUS 358
12 Tonus, Arnaud SUI YAM 328
13 Jasikonis, A. LTU SUZ 283
14 Leok, Tanel EST HUS 184
15 Lupino, A. ITA HON 178
16 Strijbos, K. BEL SUZ 165
17 Simpson, Shaun GBR YAM 149
18 Butron, Jose ESP KTM 122
19 Goncalves, Rui POR HUS 118
20 Tixier, Jordi FRA KAW 82
21 Guillod, V. SUI HON 61
22 de Dycker, Ken BEL HON 60
23 Graulus, Damon BEL HON 46
24 Tomac, Eli USA KAW 45
25 Kullas, Harri EST HUS 40
26 Desprey, M. FRA KAW 28
27 Searle, Tommy GBR KAW 26
28 Bengtsson, F. SWE KTM 18
29 Nicholls, Jake GBR KTM 15
30 Barcia, Justin USA SUZ 14
31 Romancik, J. CZE KTM 14
32 Dewulf, J. BEL KTM 14
33 Ratsep, Priit EST HON 13
34 Potisek, Milko FRA YAM 12
35 Mikhaylov, E. RUS HUS 10
36 Noren, Fredrik SWE HON 10
37 Chisholm, Kyle USA HON 9
38 Bloss, Benny USA KTM 8
39 Boog, Xavier FRA HON 8
40 Martens, Y. BEL HUS 6
41 Golovkin, V. RUS KTM 6
42 Cordovez, M. ECU YAM 5
43 Irt, Jernej SLO HUS 5
44 Tomita, T. JPN HON 5
45 Michek, Martin CZE KTM 4
46 Krestinov, G. EST HON 4
47 Larsen, N. DEN KTM 4
48 Salazar, Jetro ECU HON 4
49 Getteman, Jens BEL KAW 4
50 Irt, Peter SLO YAM 4
51 Leonov, V. RUS KTM 4
52 Ullrich, D. GER KTM 3
53 Lenoir, Steven FRA KAW 3
54 Neurauter, L. AUT KTM 3
55 Valentin, A. ESP HON 2
56 Van der Mierden, S. NED HUS 2
57 Lane, Tristan USA KTM 2
58 Lesher, Jared USA KTM 1
59 Poli, Joaquin ARG HON 1
60 Baumgartner, A. SUI KTM 1
61 Bonini, Matteo ITA KAW 1
62 Peixe, Sandro POR HON 1
63 Kouwenberg, N. NED YAM 1
64 Hendro Fahrodjie , F. INA KAW 1

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta