Beppe Cucco - 14 marzo 2020

USA in “stato di emergenza”, il Supercross sospeso a tempo indeterminato

Dopo che il presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha dichiarato lo stato di emergenza nazionale per via del Coronavirus sono state cancellate cinque delle ultime gare in programma. L'AMA Supercross 2020 è sospeso "fino a nuovo avviso"

In seguito alla diffusione della pandemia di Coronavirus negli Stati Uniti d’America il presidente Donald Trump ha dichiarato lo “stato di emergenza nazionale”. Questo ha spinto gli organizzatori dell’AMA Supercross a prendere la decisione di sospendere il campionato. Vengono cancellate cinque delle ultime gare in programma, vale a dire Indianapolis, Detroit, Seattle, Denver e Foxborough. Ufficialmente non sono ancora stati annullati gli ultimi due round di Las Vegas e Salt Lake City, ma il campionato è sospeso "fino a nuovo avviso". Sinceramente, però, pensiamo che ci siano ben poche possibilità di rivedere i piloti dell’AMA Supercross in azione quest’anno.

Questo il comunicato stampa diffuso FELD Entertainment, società organizzatrice dell’AMA Supercross: "A causa della crescente diffusione di COVID-19 e dell'espansione delle restrizioni sui viaggi nazionali e internazionali, e in conformità con lo stato nazionale e i governi locali che vietano le riunioni di grandi gruppi, il Monster Energy AMA Supercross 2020, campionato mondiale FIM, è stata rinviato fino a nuovo avviso.

I seguenti eventi Supercross sono stati cancellati:
• 14 marzo a Indianapolis, IN al Lucas Oil Stadium
• 21 marzo a Detroit, MI a Ford Field
• 28 marzo a Seattle, WA a CenturyLink Field
• 4 aprile a Denver, CO a Empower Field a Mile High
• 18 aprile a Foxborough, MA al Gillette Stadium

La salute e la sicurezza di tutti coloro che partecipano e competono ai nostri eventi dal vivo, così come quella del nostro personale, è la nostra priorità assoluta. Continueremo a monitorare la situazione.

Vi vogliamo bene come fan e apprezziamo la vostra pazienza e comprensione durante questo periodo senza precedenti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA