Statistiche web

Gajser domina gli Internazionali; MX2 a Langenfelder

L'ufficiale HRC ha stravinto l'edizione 2024 degli IntMX, dimostrando velocità irraggiungibili per chiunque. Peccato per Zanchi, che inciampa nel finale e regala il titolo MX2 a Langenfelder. In 125 vince Doesen

1/8

Doveva essere una gara fangosa, è stata una gara tostissima e ricca di colpi di scena. Il fondo del Città di Mantova ha retto bene nonostante le piogge abbondanti dei giorni scorsi, ma si sono formate buche e canali profondissimi che hanno fatto selezione tra i piloti. Alla fine le classifiche dicono Gajser vincitore della MX1, Langenfelder della MX2 e Doesen della 125, ma è troppo semplice dirla così; perché di episodi ne sono successi a bizzeffe, soprattutto nelle seconde manche.

In gara 1 MX1 Gajser è partito davanti e ha dominato, confermando quanto fatto vedere sulla sabbia di Riola. Tim è in gran forma e il feeling con la nuova moto è già altissimo. Senza troppi scossoni hanno chiuso alle sue spalle Ruben Fernandez e Romain Febvre, con Seewer quarto e Forato quinto. Al via di gara 2 però Gajser è caduto ed è ripartito ultimo, mentre Febvre davanti faceva l'andatura. Nonostante la missione impossibile, considerando le difficoltà a sorpassare per uhna sola traiettoria buona, Gajser si è lanciato in una rimonta da antologia ed è riuscito a risalire fino al secondo posto, arrivando a un niente da Febvre. Nel finale di gara, con la pista distrutta, Tim girava su tempi impressionati; è evidente che si sia posto come uno dei pretendenti al titolo MXGP, senza mezzi termini. Agli altri resta poco: giusto la soddisfazione per Febvre di aver vinto almeno una manche su quattro. Positivo il debutto di Seewer sulla Kawasaki (anche se non straordinario) e bene anche Fernandez, più incisivo rispetto a Riola. Ci si aspettava qualcosa di più, invece da Forato, che ha impostato una preparazione a lunga gittata con il nuovo allenatore Stefan Everts.

Nella MX2 ne sono successe di tutti i colori. In Gara 1 ha dominato Liam Everts al debutto stagionale, con Ferruccio Zanchi secondo e Andrea Adamo terzo. A terra al primo giro Laegenfelder ha salvato solo un sesto posto. Il Campionato sembrava in mano a Zanchi che, però, ha vissuto una seconda manche completamente storta. Indietro al via, è finito a terra con un pesante capitombolo da cui per fortuna si è rialzato senza conseguenze; la sua Honda, invece, si è danneggiata e Ferro ha preso anzitempo la via dei box, perdendo un titolo che era alla sua portata. Mentre succedeva tutto questo, davanti si è ritrovato Valerio Lata, che ha comandato la gara per diversi giri, prima di venire superato da Everts e Adamo, a cui è comunque rimasto vicino. Adamo ha tentato l'attacco a Everts nel finale e ha approfittato di un problema del belga (rimasto incastrato sotto a un doppiato caduto) per passare in testa e andare a vincere la prima manche della stagione. L'assoluta di giornata è stata così Everts, Adamo e Lata, terzo assoluto. Il titolo MX2 è andato a Langenfelder, anche lui caduto al via di gara 2, ma concreto al punto da risalire fino alla quinta posizione.

In 125 Gayan Doesen ha fatto sue le due manche e anche il titolo di categoria, con Noel Zanocz secondo. Gli Internazionali d'Italia Eicma Series vanno così in archivio.

1/8

I video di Motociclismo Fuoristrada

© RIPRODUZIONE RISERVATA