Statistiche web
Marco Gualdani
23 January 2024

Perché Ducati ha scelto la distribuzione desmo anche nel cross

Abbiamo incontrato Davide Perni, responsabile tecnico del progetto Ducati motocross, che ci ha spiegato i motivi della scelta del desmodromico anche nel fuoristrada

1/7

L'uomo di riferimento per la parte tecnica della nuova Desmo450 MX motocross è Davide Perni, ingegnere che Ducati ha scelto per creare e sviluppare la inedita moto da cross. A lui abbiamo chiesto il perché della scelta di utilizzare il desmo anche sulla nuova 450. Ricordiamo che la distribuzione desmodromica è caratterizzata dalla gestione dell'apertura e della chiusura delle valvole di aspirazione e scarico attraverso bilancieri collegati direttamente alle camme. E quindi non tramite molle.

"Ci sono varie ragioni per cui abbiamo deciso di sfruttare la distribuzione desmodromica anche nel motocross. La prima è la possibilità di raggiungere alti regimi di giri, ma non è l’unico vantaggio, soprattutto su un motore 450 che al contrario deve esaltare la coppia e la trattabilità. In questo, uno dei punti di forza del desmo è poter sfruttare il diverso assorbimento di energia derivato dall'attivazione delle valvole in base al numero di giri. Con il sistema tradizionale a molla la forza necessaria per completare un ciclo è sempre la stessa, a qualsiasi regime, perché devi dare un carico alle molle in grado di sostenere il loro lavoro anche al massimo degli rpm. Con il desmo, invece, non hai questo problema e non sei costretto a sprecare energia ai bassi o ai medi; così facendo quella risparmiata viene veicolata a favore della coppia, del tocco gas. Da questo punto di vista il desmo è un vantaggio. Ci sono poi anche aspetti negativi, come gli attriti, le dimensioni o il peso: del resto l'architettura è bialbero e potrebbe passare l'idea che possa essere più pesante di una distribuzione tradizionale. Questo non è totalmente vero, anche perché il nostro nuovo motore è molto leggero. Il bilancio quindi è sempre positivo. Lo dimostrano i risultati delle nostre MotoGP. Capisco che la questione possa essere complicata, ma per noi è normale riuscire a elevare le qualità del desmo in un determinato settore. Per questo la nostra sfida adesso è creare un motore racing ma che abbia la qualità, l’affidabilità e il tempario di interventi di una moto di serie. L’obiettivo non è solo quello di offrire performance, ma anche proporre una moto dai costi di manutenzione ragionevoli”.

I video di Motociclismo Fuoristrada

© RIPRODUZIONE RISERVATA