Marco Gualdani
- 27 April 2020

La FMI sconta le licenze 2021

Nell’ultimo Consiglio Federale sono state definite condizioni agevolate di riaffiliazione 2021 per MC, impianti e piloti, per un totale di 2 milioni di euro

Il 24 aprile si è tenuta una video conferenza a cui hanno partecipato il presidente FMI Giovanni Copioli e vari responsabili federali, oltre al presidente FIM Jorge Viegas e del CONI Giovanni Malagò. Si è discusso di vari temi legati all’attività delle discipline motociclistiche, la cui importanza è riconosciuta anche dal Ministero che ha sul tavolo le nostre esigenze e ha dimostrato interesse alle nostre necessità, come evidenziato durante il Consiglio.

Ma il tema più importante emerso dal dibattito è legato alla decisione di mettere in atto numerosi interventi a favore di Moto Club, tesserati, licenziati e impianti FMI, tutti forzatamente fermi dai primi di marzo. Nel caso dei piloti si tratta di non aver usufruito delle copertura assicurativa, in quello di MC e impianti di dover far fronte a un pesante ammanco economico, derivato dall’impossibilità di fare attività, iniziative e organizzare eventi. Per venire incontro a queste problematiche, la FMI ha ufficializzato l’opportunità di godere di alcune agevolazioni per la prossima stagione. Di seguito la sintesi divisa per figure:

  • I MC godranno di condizioni agevolate all’atto della riaffiliazione 2021.
  • I licenziati 2020 (pre Covid-19) avranno una riduzione del costo sulla tessera 2021 proporzionale al periodo di stop.
  • Gli impianti godranno di una proroga dell’omologazione fino al 31/12/2021, fatto salvo per modifiche al tracciato o interventi strutturali che richiedono una nuova ispezione.

Il totale di questi interventi peserà nelle tasche della Federmoto per circa 2.000.000 di euro sul bilancio 2021.

Queste le parole di Copioli: “Il diciottesimo Consiglio Federale del mio mandato ha messo in evidenza, ancora una volta, il grande spirito di squadra che caratterizza la FMI. Grazie alla disponibilità dei Consiglieri e alle proposte di tutto il mondo federale, siamo riusciti ad attuare delle misure che credo saranno efficaci e spero anche apprezzate. Prima di assumere tali decisioni abbiamo ascoltato il territorio: basti pensare che nei giorni scorsi ho avuto, in prima persona, diverse riunioni con i Comitati Regionali e con decine di Moto Club. Il mio plauso va proprio a tutti i nostri sodalizi, che non hanno solamente esposto le loro istanze in questo momento di emergenza, ma hanno suggerito idee e soluzioni. Ringrazio inoltre il Presidente FIM, Jorge Viegas, e il Presidente del CONI, Giovanni Malagò, che hanno espresso vicinanza alla nostra Federazione dimostrando di voler concretamente aiutare il mondo dello sport ad essere ancora più forte una volta conclusa questa emergenza”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News