Tim Gajser è Campione del Mondo MXGP

In Finlandia lo sloveno della Honda festeggia il quinto titolo in carriera, il quarto in MXGP. In gara vince Coldenhoff. Nella MX2 Vialle accorcia su Geerts dopo un'altra battaglia piena di colpi di scena

1 di 2
1/3

La festa Honda subito dopo il traguardo (foto Davide Messora)

Missione compiuta per Tim Gajser e la Honda HRC. Il GP della Finlandia rappresentava il primo match point della stagione per lo sloveno che non ha mancato l’occasione, conquistando il titolo 2022 con un sesto posto di giornata. Tim ha chiuso sesto nella prima manche, con un andamento altalenante, per poi assicurarsi il titolo con un comodo settimo nella seconda, dopo una brutta partenza. Allo sloveno bastavano 25 punti per festeggiare il titolo con due GP di anticipo e ne ha conquistati 29. A poco è servita un'altra bella gara di Jeremy Seewer (Yamaha), cioè l’unico che teneva aperto il Campionato, seppur solo matematicamente, chiusa al secondo posto assoluto. Per Tim si tratta del quinto Mondiale vinto, dopo quelli del 2015 (MX2), 2016 (al debutto in MXGP), 2019 e 2020. Tra questi, quello appena conquistato, è stato forse quello più facile, considerando le assenze di Herlings, Febvre (nella prima parte di stagione) e Cairoli. Gajser ha imposto il suo ritmo nella prima parte del Campionato vincendo sei dei primi sette GP, accumulando un vantaggio importante sin da subito; vantaggio che poi ha gestito nelle altre gare. Un titolo più che meritato; è stato nettamente il più forte in tutta la stagione, ha gestito, ha sbagliato molto poco, forse anche per assenza di avversari che gli avrebbero imposto un ritmo più sostenuto. Sta di fatto che questo ragazzo dimostra una concretezza non comune, ha già raggiunto quota 5 titoli a soli 25 anni, ha riportato in alto il marchio HRC nel Mondiale cross, ha trovato il giusto equilibrio nella sua vita privata; si dimostra sempre disponibile, è corretto nei confronti degli avversari. Davvero un fenomeno, capace di portare soddisfazione ai suoi concittadini sloveni, che hanno trovato in lui l’atleta ideale da supportare e in cui immedesimarsi; come fu Cairoli per noi italiani. Stile di guida spettacolare, un tutt’uno con la sua Honda che guida dal lontano 2014, quando Giacomo Gariboldi e il tecnico Massimo Castelli lo scelsero in un momento molto difficile della sua carriera, quando le cose non giravano nel verso giusto e Tim sembrava l’ennesima promessa non mantenuta. Nel giro di due anni, nel 2015, è arrivato il primo titolo, insperato, in una MX2 all’epoca dominata dal plotone KTM, dopo più di 20 anni di digiuno del marchio Honda. Da lì è stato un crescendo, che ha permesso al gruppo di superare anche le difficili stagioni 2017 e 2018. Oggi ancora un successo, ancora una festa. Complimenti Tim, complimenti alla squadra di Gariboldi, complimenti Honda.

LA GARA

1/4

Glen Coldenhoff (foto Davide Messora)

A vincere il GP nella 450 è stato Glen Coldenhoff, favorito dal fondo sabbioso della pista finlandese, con un secondo e un primo posto. Sul podio con lui Jeremy Seewer e Maxime Renaux, per un terzetto tutto Yamaha. Peccato per Brian Bogers, che dopo aver vinto gara 1 alla grande, ha pasticciato in gara due finendo quarto a pari punti con Seewer e Renaux ma fuori dal podio. Italiani bene a metà, con Alberto Forato ottimo ottavo in gara 1 e undicesimo in gara 2, attardato da una brutta partenza. Bene anche Ivo Monticelli, che ha lottato nella top ten per più di metà della seconda manche prima di finire a terra; comunque un segnale positivo. Weekend da dimenticare per Mattia Guadagnini, costantemente fuori dai suoi parametri in gara 1 e appena meglio in gara 2 con un 13° posto per un 14°totale.

1/2

Tom Vialle (foto Davide Messora)

In MX2 si è vissuta un'altra grande sfida tra Geerts e Vialle. In gara 1 i due piloti si sono confrontati direttamente, con Geerts che è andato a vincere sul francese. Nella gara di chiusura, è stato ancora Geerts a portarsi davanti, ma al termine del primo giro è finito a terra, perdendo tanto tempo, per ripartire ultimo staccato. Si è prodotto in una rimonta impossibile che lo ha portato fino al settimo posto, quando è caduto di nuovo nel tentativo di passare Haarup, finendo poi nono. Gara 2 è andata a Vialle, che ha ridotto il gap in classifica a 15 punti con ancora due GP da disputare. Sul podio di giornata sono saliti Vialle, De Wolf e Geerts. Il finale del Campionato sarà infuocato.

I video di Motociclismo Fuoristrada

Guarda tutti i video di Motociclismo Fuoristrada >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA