"La partenza è pericolosa" e alcuni piloti MXGP non scendono in pista. La replica di Infront: "Il fango fa parte del motocross"

Il sabato del GP di Francia ha fatto emergere una profonda difficoltà di dialogo tra piloti e organizzazione del Mondiale motocross, concretizzata con lo sciopero di nove piloti che non hanno preso il via alla manche di qualifica per motivi di sicurezza. Ecco che cosa è successo e le principali dichiarazioni

Le polemiche su quanto accaduto nella giornata di sabato al GP di Francia del Mondiale motocross non si placano. La questione è stata trattata anche nella conferenza stampa dopo gara quando, neanche a farlo apposta, erano presenti quattro dei nove piloti che hanno deciso di non prendere il via alla manche di qualifica. Parliamo di: Jorge Prado, Jeremy Seewer, Tim Gajser e Glen Coldenhoff; oltre a loro non sono partiti Mitch Evans, Alberto Forato, Pauls Jonass, Ruben Fernandez e Calvin Vlaanderen. Di seguito le loro dichiarazioni, ma prima spieghiamo meglio che cosa è successo.

Durante la manche dell'Europeo 125 si è scatenato un nubifragio che ha reso il fondo della pista molto insidioso. Ernee è un tracciato a fondo duro e lo strato superficiale si è trasformato in un acquitrino con canali molto profondi. Per quanto la situazione fosse al limite, non era neanche quello il problema. Il fatto è che, a differenza di molti tracciati, la pista di Ernee è disegnata per avere il rettilineo di partenza come parte attiva a ogni giro e non solo uno start da affrontare un'unica volta dopo la partenza. Per questo, il rettilineo presentava diversi canali, ritenuti pericolosi. Come sempre, i piloti MXGP si sono affacciati per seguire la partenza della qualifica MX2 e proprio in quello start si è creato un mucchio alla prima curva che ha coinvolto diversi protagonisti, tra cui Jago Geerts che si è ritirato dolorante a una spalla. Così, alcuni piloti MXGP hanno chiesto che la partenza venisse ruspata e sistemata, in vista della loro gara. Tra i più attivi nella discussione c'erano Jeremy Seewer e Jorge Prado (oltre ai sopracitati e relativi team) a confronto con il CEO di Infront Moto Racing David Luongo e il direttore della FIM/CMS Antonio Alia Portela. La risposta alla richiesta dei piloti è stata negativa; per questo la manche ha regolarmente preso il via, ma senza di loro. Praticamente tutti gli ufficiali a parte Renaux e Watson non sono partiti. Al di là delle ragioni che ognuno ha espresso, è stata una presa di posizione molto forte da parte dei piloti di alta classifica, che chiedevano di essere ascoltati. Dall'altra parte si è considerata la situazione come una normale gara sul fango, come molte altre disputate in passato.

Per farvi un'idea vi mostriamo il video delle gare di qualifica e, sotto, i passaggi principali della conferenza stampa francese.

Le dichiarazioni dei piloti

Jeremy Seewer: "Quello che volevo dire l'ho detto in un'intervista a MX Vice; se ascolti quel podcast saprai tutta la storia di quanto accaduto. Per me è una situazione un po' triste, perché già oggi si è fatto di tutto per nascondere quanto accaduto. Noi piloti ci siamo uniti per cercare di migliorare una situazione difficile e non certo per peggiorare le cose. Alla fine quello che chiedevamo è di poter correre in sicurezza. Quello che abbiamo fatto ieri forse è stato un po' estremo, ma è l'apice di una serie di situazioni che ci hanno fatto pensare che fosse davvero troppo. Ci siamo comportati così per tante ragioni. Volevamo un incontro ufficiale in cui confrontarci con l'obiettivo di poter migliorare, facendo valere anche le opinioni di noi piloti. Invece si fa sempre quello che decidono loro. Oltre a tutto questo, è stato molto triste vedere il comportamento di alcuni funzionari nei nostri confronti sulla linea di partenza della gara di oggi (domenica, nda). Era evidente che si comportassero in modo diverso dal solito. Sono anche sicuro che alla prossima gara mi diranno di mettere il camper in fondo al parcheggio".

Jorge Prado: "È tutto molto triste. Confermo quanto dice Jeremy. Ho sentito quello che i funzionari dicevano ai nostri meccanici prima della partenza, erano molto aggressivi. Loro fanno solo il loro lavoro, non c'entrano niente. Non possono trattarci male perché facciamo del nostro meglio per creare un bello spettacolo. Noi quattro non abbiamo corso ieri, ma siamo qui a parlare con voi dopo esserci conquistati il podio. Vorremmo solo essere ascoltati quando si parla di sicurezza. Per esempio, se facciamo un passo indietro al GP di Inghilterra, nelle gare corse al pomeriggio con il sole basso non si vedevano più le rampe dei salti. Non possiamo guidare così. In quell'occasione non ci siamo opposti a correre, ma farlo ieri in quelle condizioni non aveva nessun senso. Stiamo facendo questo per questioni di sicurezza e mi dispiace, ma abbiamo bisogno anche noi di essere ascoltati. Siamo parte dello spettacolo e tutti abbiamo bisogno di essere trattati bene; spero proprio che tutti trattino tutti con il dovuto rispetto, questa è la cosa più importante".

Glen Coldenhoff: "Non ho molto da aggiungere, è stato detto tutto. Sono pienamente d'accordo con quanto detto da Jeremy e Jorge".

Tim Gajser: "Penso che sia una questione di rispetto; ieri abbiamo chiesto di essere ascoltati un po' di più. Soprattutto quando si tratta di come preparare la pista. Siamo quelli che in pista ci vanno, che rischiano la vita per correre. Naturalmente è il nostro lavoro, ma allo stesso tempo penso che dobbiamo avere un buon rapporto con gli organizzatori per far crescere il motocross. Sostengo e sono orgoglioso di quello che abbiamo fatto ieri".

In passato c'era Rui Goncalves come responsabile dei tracciati. Come andavano le cose?

Tim Gajser: "Era un bene perché avevamo sempre degli incontri al sabato sera ed era importante. Negli ultimi due anni, invece, spesso le piste sono mono traiettoria e spesso è difficile superare; potrebbero fare in modo di far emergere più linee, o magari se vedono che curviamo tutti all'interno spianare l'esterno per aumentare le possibilità. Questo genere di cose; siamo noi che andiamo in pista e possiamo dare qualche buon consiglio. Penso che dovrebbero ascoltarci un po' di più".

Cosa vi aspettate che accada da qui in avanti?

Jeremy Seewer: "Spero che anche noi saremo ascoltati. La cosa molto triste è che quando abbiamo iniziato a parlare avevamo la speranza che potessero venire nella nostra direzione. In quel caso noi saremmo andati verso di loro. Il problema si sarebbe risolto da solo. Bastava sistemare la partenza e rimandare la gara di 20 minuti. Hanno a disposizione tutti i macchinari per poterlo fare, bastava solo qualche minuto. Invece no, la risposta non è stata carina. Facciamo questo sport da tutta la vita, ognuno di noi ha le sue ferite, cadiamo e facciamo tanti sacrifici per fare questa professione. E poi ci viene detto di andare a giocare a golf; questo mi ha fatto molto arrabbiare. A quel punto abbiamo deciso di non partire".

Tim Gajser: "Vorremmo tutti che Infront ci ascoltasse di più. Se diciamo che la pista è pericolosa, se chiediamo di aggiustare quella curva o quella rampa, ci aspettiamo che questo venga fatto".

LA versione di Infront

David Luongo

In risposta, riportiamo una parte dichiarazioni del CEO di Infront Moto Racing David Luogo, rilasciate al sito MX Vice in un podcast che potete ascoltare integralmente qui.

"Abbiamo avuto una discussione con alcuni piloti prima della partenza della manche di qualifica, sulle condizioni della pista. A nostro avviso il tracciato era praticabile. Durante la giornata è piovuto, ma questo è accaduto già in altre centinaia di occasioni. Hanno corso persino i giovani della 125, che hanno fatto una gara fantastica. Per me e per tutte le persone coinvolte nell'organizzazione, è importante che lo spettacolo vada avanti, sempre nel rispetto delle figure coinvolte nello spettacolo stesso. Oggi (sabato, nda) c'erano 10.000 persone che hanno atteso sotto la pioggia per vedere i piloti correre in pista".

Il problema fatto emergere dai piloti era legato alla partenza della manche di qualifica.

"Quando corri nel Mondiale cross sai perfettamente che il programma è composto da prove libere, prove ufficiali, manche di qualifica, warm-up e due manche. Durante l'inverno tutti i piloti si allenano tutti con il fango, durante la stagione capita spesso di correre con la pioggia, fa parte del Mondiale motocross. Questo tracciato può reggere condizioni anche peggiori di quelle di oggi. Certamente era una gara fangosa, ma le condizioni cambiano giro dopo giro; i piloti che hanno corso la manche di qualifica non si sono lamentati della pista".

I video di Motociclismo Fuoristrada

Guarda tutti i video di Motociclismo Fuoristrada >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA