RedBull Abestone 2022; tutto quello che c'è da sapere

Dopo l'incredibile successo dello scorso anno il Mondiale di Enduro Estremo torna all'Abetone (PT) per la quarta tappa di un Campionato combattutissimo. Manuel Lettenbichler è fresco di vittoria in Austria, Billy Bolt subito dietro e Jonny Walker fuori in convalescenza. Potrebbe essere questa l'edizione per vedere una Sherco vincere, oppure rivedere Jarvis sul gradino più alto del podio?

1 di 3
1/8

Podio edizione 2021

L’attesa per la quarta tappa del Mondiale Hard Enduro (HEWC) è finita, l’evento organizzato dall'esperto pilota Michele Bosi e dal suo team, è pronto per andare in scena l'8, 9 e 10 Luglio.

Billy Bolt nonostante non abbia ancora vinto quest’anno arriva all’Abetone come leader della classifica a punti. I vari infortuni al polso non gli hanno permesso di essere competitivo al 100% nelle 3 tappe passate. Sarà questa l’occasione per vedere il pilota firmato Husqvarna Factory Racing salire sul gradino più alto del podio?
Il vantaggio che ha su Mario Roman è molto sottile, di soli due punti. Lo spagnolo sembra essere in forma e aver un buon feeling con la sua Sherco; ha vinto al Minus 400 di Israele, si è riconfermato con un ottimo secondo posto a Erzberg, ma ha concluso solo 11esimo al secondo appuntamento in Serbia.
Nonostante abbia saltato la prima tappa di apertura, causa intervento chirurgico al ginocchio di inizio anno, Manuel Lettenbichler è la terza forza in campo. La vittoria al Xross Hard Enduro in Serbia e al Red Bull Erzbergrodeo lo posiziona a meno 5 punti da Billy Bolt.

Nella classe Junior è Matt Green del Team Rigo Racing che ha dimostrato di essere il pilota da battere finora. Il giovane sudafricano ha vinto entrambi i round junior in Serbia e Austria, facendosi anche strada nella top 10 della classifica generale. Mitchell Brightmore (Rieju) e Suff Sella (KTM) dell'AG Racing Team 89 sono rispettivamente secondi e terzi e cercheranno sicuramente di ostacolare Green in questo round italiano.

Per quanto riguarda i nostri portacolori, Sonny Goggia è pronto per fare bene e dare il massimo spinto dal tifo di casa.

1/2

Si parte il venerdì dove i piloti avranno la possibilità di sgranchirsi le gambe e, provare il setting della moto in una Training Area.

Nella giornata di sabato i piloti affronteranno le qualificazioni, un percorso in montagna di 15 chilometri da ripetersi ben quattro volte, due alla mattina (Q1) e due al pomeriggio (Q2). La combinazione dei due migliori giri decreterà l’ordine di partenza per il giorno seguente. All'evento principale della domenica pomeriggio (Final A) accederanno i 30 migliori piloti: solamente loro se la vedranno con la vera gara di Hard Enduro, lunga tre ore e da disputarsi nell'arco di più giri. Tutti gli altri piloti, ovvero dal 31° in poi, correranno la mattina (Final B) su un circuito più breve a loro dedicato. Le classi premiate saranno ben quattro: la Gold, Silver, Bronze e Iron.

Per quanto riguarda la gara vera e propria la partenza è alle ore 13 di domenica dal piazzale davanti all'impianto di risalita del Monte Gomito a 1942 metri sul livello del mare. Da li in poi ci saranno passaggi al limite del possibile, i top riders scenderanno subito verso la Val di Luce e affronteranno il mitico Minestrone, dove l'arrivo del primo pilota è previsto per le 13:15. Dopo il Minestrone arriveranno al Cannibalex che si trova a sole poche centinaia di metri, per poi andare verso un percorso di qualche chilometro per raggiungere Ibex Line " Lo stambecco". Successivamente si sposteranno verso la stazione di partenza dell'ovovia, percorreranno il Tunnel che li porterà al Fossone e poi di nuovo in salita per il Sottomonte. Siamo a un’ora di gara passata, ma non è ancora finita, manca ancora la RivaRock e 1942 prima di arrivare al traguardo.

I video di Motociclismo Fuoristrada

Guarda tutti i video di Motociclismo Fuoristrada >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA